Skip Ribbon Commands
Skip to main content
Palestra delle Professioni Digitali, conclusa la IX edizione di Milano, per i 41 ragazzi si aprono nuove opportunità
Si è conclusa il 6 dicembre 2016 la IX edizione di “Palestra delle Professioni Digitali” di Milano, il progetto formativo che ha l’obiettivo di indirizzare alle professioni digitali giovani disoccupati o inoccupati, laureati prevalentemente in materie umanistiche, e accelerare il loro inserimento nel mondo del lavoro.

Palestra delle Professioni Digitali, nato nel 2012 nell’ambito delle iniziative di Responsabilità Sociale di Accenture, è divenuto realtà attraverso la collaborazione di Associazione Prospera, Fondazione Italiana Accenture, Assolombarda, Federturismo, Samsung, ACTL-Sportello Stage.

Il percorso formativo è consistito in una full immersion di 4 settimane con lezioni frontali tenute da professionisti di aziende prestigiose, che hanno ‘allenato’ i 41 partecipanti di questa edizione, sulle opportunità e i problemi legati al mondo del digitale.

Oggi presso la Samsung Smart Arena, i ragazzi, dopo tanto allenamento, hanno avuto l’opportunità di dare “prova sul campo” per dimostrare quanto appreso durante questo corso.

Si sono svolte infatti le presentazioni dei “Project Work”, ovvero i progetti di comunicazione digitale che i ragazzi, divisi in 7 team, hanno sviluppato nel corso delle 4 settimane di corso per conto di aziende committenti, in qualità di veri e propri consulenti di comunicazione digitale.

 7 le aziende intervenute in questa edizione, in ordine alfabetico:

  1. Accenture, che ha proposto ai ragazzi un caso di studio per una banca tradizionale che vuole incrementare il traffico nella sua rete di filiali presenti nel centro-nord al fine di alimentare la vendita di mutui a nuovi clienti. I ragazzi si sono così cimentati nell’ideare una strategia di digital marketing per raggiungere l’obiettivo della banca.
  2. DGT Media, con l’obiettivo di aumentare l’appeal del canale di vendita online di un cliente relae dell’azienda, ha stato commissionato ai ragazzi la creazione di un prodotto/soluzione unica rispetto ai competitor che sia in grado di raggiungere lo sfidante obiettivo dell’azienda.
  3. GroupM ha chiesto al suo team di effettuare una accurata indagine analizzando un target ben preciso di utenti di interesse per l’azienda, e cioè le mamme con bambini di 0-3 anni, e di identificare le caratteristiche generali che possono essere di interesse per l’azienda (es. cosa cercano online? In che fasce orarie navigano su internet maggiormente?).
  4. iCorporate, in linea con la strategia di crescita dell’e-commerce di un loro cliente reale, ha chiesto ai ragazzi di costruire un piano di comunicazione digitale volto a valorizzare la brand awareness e la brand reputation di questa azienda, principalmente rivolto ad un target Millennials e Nativi Digitali.
  5. Naima, ha commisionato la creazione di una strategia di comunicazione che permetta di colpire i propri target di riferimento, puntando soprattutto sui concetti di Affidabilità, Innovazione, Competenza.
  6. Samsung, ha chiesto ai ragazzi di ideare una nuova killer app/service in grado di incrementare l’utilizzo di un dispositivo che Samsung sta immettendo sul mercato, e contestualmente, di ideare una campagna di lancio di questo nuovo servizio.
  7. Samsung – Corporate Citizenship, ha commissionato l’ideazione di una strategia di lancio per un progetto che la Corporate Citizenship sta realmente portando avanti in collaborazione con il MIUR.

Tutte le aziende intervenute hanno apprezzato il valore dell’iniziativa e l’elevato livello qualitativo degli elaborati sviluppati dai ragazzi e si sono detti interessati a sviluppare i “concept” proposti.

Prospera si unisce all’augurio di tutti gli altri partner di Progetto, docenti e tutor affinché questi brillanti e volenterosi ragazzi trovino al più presto il loro futuro lavorativo nel digitale.

http://www.professionidigitali.it/​